Oggi vi parlo di un delizioso libro che ho scoperto recentemente per caso.

Si tratta di un breve racconto esoterico intitolato Il cavallo degli scacchi, scritto da Michela Alessandroni, la fondatrice di Flower-ed, casa editrice italiana che sta meravigliosamente riscoprendo la vita e le opere di scrittrici ottocentesche, nonché classici della letteratura dimenticati o mai tradotti prima in lingua italiana.

Editrice, illustratrice, scrittrice e poetessa, non necessariamente in quest’ordine, Michela è senza dubbio un’artista poliedrica, dai mille talenti.

 

Il cavallo degli scacchi è tratto da una storia vera ed è stato ispirato da Speke Hall, un antico e affascinante maniero in stile Tudor risalente al XVI secolo, situato a Liverpool,  nel Merseyside, in Inghilterra , che Michela ha realmente visitato.

 

Speke  Hall

 

Il racconto esordisce con una bambina che si ritrova all’interno di un’antica villa inglese,  luogo nel cui passato si celano misteri irrisolti e forse tragedie. Il suo sguardo viene attratto da un quadro raffigurante un uomo gigantesco.  Questo ritratto, apparentemente innocuo, diverrà il suo più inquietante incubo. Terrorizzata, la bambina scapperà immediatamente da quella villa e durante la sua precipitosa fuga intravedrà un vecchio cavallo degli scacchi in legno all’interno di una pozzanghera fangosa e lo prenderà con sé.

Cosa rappresenta quest’oggetto e perché si trova lì? E perché quel gigante nel quadro ha suscitato così tanta paura nella bambina?

Vent’anni dopo la bambina, ormai cresciuta, tornerà in quel maniero inglese e cercherà quel quadro, per dimostrare a se stessa di aver sconfitto la sua terribile paura infantile che tanto l’ha tormentata. Ma sarà veramente così?

La paura è il mostro più terribile da sconfiggere e tutti noi quotidianamente ne abbiamo tante contro cui combattere. Alcune ci rafforzano, altre invece ci indeboliscono e ci lacerano nel profondo. Infido avversario, la paura conosce i nostri punti deboli e li sfrutta a suo piacimento. Come si combatte contro di essa?

Forse il modo migliore per sconfiggerla è proprio quella di accettarla per quello che è, conviverci e riconoscerla come parte integrante di noi stessi, ma ciò non è affatto semplice.

Alcune paure infantili, nel bene o nel male, ci accompagneranno per tutta la vita. Ma chi vince poi alla fine? Noi o le nostre paure?

Questo interessante  racconto, pubblicato da Flower-ed nel 2015, descrive efficacemente in poche pagine la prigionia della paura e il desiderio di libertà dalla stessa.

L’atmosfera del racconto è gotica e ogni parola è squisitamente pervasa dal mistero. Leggendolo, mi ha ricordato alcuni racconti fantastici di Dino Buzzati, scrittore italiano che ho piacevolmente scoperto durante la scuole superiori, e anche Picnic a Hanging Rock, romanzo dell’autrice australiana Joan Lindsay, pubblicato nel 1967.

Attendiamo altri lavori di Michela. Chissà se ha in serbo altre sorprese per tutti noi.

 

 

 

 

Potete scaricare gratuitamenteIl cavallo degli scacchi” di Michela Alessandroni dal sito della casa editrice flower-edqui

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...